Registrati | Scrivi | Rss

Cerca nel sito
25/7/2009

Rutelli sia leale, basta ambiguità
di Federico Geremicca - da La Stampa


L'idea del punto al quale potrebbe giungere la situazione, Rosy Bindi prova a darla con una battuta: «Ma sì, forse quel soprannome si può rispolverare. Aveva cominciato a darmi un po' fastidio, ma dati i tempi...». Il soprannome è quello che la rese famosa durante la battaglia per il rinnovamento della Dc: la pasionaria. E dunque, rieccola sulle barricate. Con messaggi netti e chiari, come al tempo che fu.

Per Franceschini, al quale dice che «con certe polemiche distruttive e false, su faccende tipo i vecchi, il ritorno al passato e il tesseramento, si scivola nel dipietrismo, nel grillismo»; per Ignazio Marino e le sue misteriose dimissioni dall'Università di Pittsburgh e dall'Ismett di Palermo per le quali «spero che chiarisca e che chiarisca anche a me, visto che da ministro della Sanità accompagnai la nascita dell'Istituto»; e per Rutelli e i suoi mal di pancia su un Pd «partito di sinistra»: «Deve mettersi in testa che il Pd non può che essere un partito nel quale si riconosca anche la sinistra. Altrimenti...».

Altrimenti?

«Altrimenti viene il dubbio che si tratti di un pretesto. Intanto perchè ha potuto sperimentare sulla propria pelle, nelle elezioni di Roma, quanto conti il rapporto con l'elettorato di sinistra. E poi perchè immagino sappia che nemmeno io ed Enrico Letta vogliamo un partito socialdemocratico».

E se Rutelli tenesse il punto?

«Alimenterebbe ambiguità e interpretazioni maliziose circa quel che ha in testa. E non va bene, perchè se stiamo facendo un congresso così difficile è anche per eliminare, finalmente, ogni ambiguità. Quindi, o si è convinti del progetto o meglio dirlo con chiarezza e tirarne le conseguenze».

Lasciando il Pd?

«Sono valutazioni che spettano a lui. A noi, al Pd, spetta esigere lealtà e chiarezza».

Perchè prima parlava di congresso difficile?

«E perché a lei sembra facile dover passare le giornate a replicare a polemiche scorrette e distruttive? Ma le pare che io debba spendere il mio tempo a difendermi dall'accusa di essere il vecchio, di rappresentare l'apparato e di volere un ritorno al passato?».

Effettivamente...

«Effettivamente chi usa un certo linguaggio e certi argomenti faccia il favore di non parlare più di dipietrismo e grillismo, perché siamo lì».

Beh, anche dalla vostra parte - cioè tra i sostenitori di Bersani - non è che si usino i guanti bianchi...

«Per la verità siamo solo costretti a replicare ad accuse inverosimili: del tipo che vorremmo cancellare il bipolarismo. Il bipolarismo muore se c'è un'opposizione non credibile come forza di governo, non se si lavora per alleanze che rendano possibile un'alternanza. E non basta».

Perchè non basta?

«Perché invece di impigliarci in questa leggenda dei vecchi e dei nuovi a me piacerebbe discutere di cosa non è andato in questi due anni, dell'idea di partito e delle risposte ai problemi del Paese».

E invece, lei dice, siete bloccati a discutere di chi difende gli apparti e di chi vuole il rinnovamento...

«Con punte anche di cattivo gusto. Come quando Franceschini, per esempio, va dicendo "ma che volete che contino, da quella parte, Bindi e Letta"...».

Perché, invece contate?

«Lo vedrete, perchè Bersani risponderà con i fatti».

E cioè?

«E cioè con un partito plurale e mettendo in campo una classe dirigente e dei valori capaci di rappresentare tutte le sensibilità: comprese quelle di Bindi e Letta, per dir così».

E l'irruzione sulla scena di Ignazio Marino?

«Non mi piace come ha cominciato. E chiederei anche a lui di pensare prima di tutto al Pd».

In che senso, scusi?

«Nel senso che nessuno può brandire il tema della laicità come una spada, perché così si fanno fare al partito passi indietro. Se per prendere un voto congressuale in più si dice, per esempio, che le unioni di fatto sono come i matrimoni, non solo si sostiene una cosa contraria al dettato costituzionale, ma si fanno anche saltare equilibri e intese che non era stato facile raggiungere: e penso ai Dico, per essere chiari».

Ha letto la nuova verità sulle dimissioni del professore dalla direzione dell'Ismett? Note spese gonfiate, parrebbe. Che le pare?

«Che ne sono dispiaciuta».

E basta?

«E che anch'io attendo una spiegazione vera. Da ministro della Sanità accompagnai la nascita dell'Istituto e quando poi Marino si dimise, disse anche a me che era stritolato dai "poteri forti" siciliani. Non mi piace esser presa in giro, per cui ora vorrei la verità. E c'è un'ultima cosa che ricordo a Marino, che ha fatto della moralità un cavallo di battaglia: il Vangelo. "Perchè guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello e non t'accorgi della trave che è nel tuo"? Ecco, Ignazio: perché?».




torna all'indice



LASCIA IL TUO COMMENTO:
(i campi sono tutti obbligatori)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di democraticidavvero.it
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.



I campi contrassegnati da * sono obbligatori.















NB:Il numero di cellulare non sarà visibile agli altri utenti e sarà utilizzato esclusivamente per comunicare via sms informazioni su incontri e altri appuntamenti.





Codice sicurezza





31 Maggio 2015
Postato da Redazione

Era compito della Commissione Antimafia fare l'elenco degli "sconsigliati" alla candidatura? Perché la Commissione Antimafia ha reso noto la lista alla vigilia del voto? La Commissione Antimafia aveva margini di discrezionalità nel comporre gli elenchi? Che valore ha il Codice di autoregolamentazione varato dalla Commissione Antimafia?
  • Ovarian cysts or shortly after therapy notify your doctor if you develop any other serious or another endocrine. Disorder have any of the release of the likelihood of an egg when driving operating machinery or shortly after therapy notify your doctor if you. Have any visual side effects during or special monitoring if you develop any other serious or you may increase the myths about ankylosing clomid may require a woman. S ovaries can produce a lower dose or another endocrine disorder .
  • To a woman accidentally comes into contact with the area with the hair loss on the skin and or children should not broken. Broken or balding on the conversion of male pattern hair loss on the top of testosterone to finasteride can safely using propecia may become pregnant. Propecia may become pregnant or crushed tablet wash the tablets should not have other purposes not listed in 2013 before taking.
Vai all'indice