Registrati | Scrivi | Rss

Cerca nel sito
10/7/2009

Immigrazione, lettera aperta al Governo e al Parlamento
di Guglielmo Epifani


Con l'approvazione del ddl 733 b e l'ormai prossima entrata in vigore della nuova legge sulla sicurezza vengono cambiate le regole del gioco per chi è immigrato nel nostro Paese, con provvedimenti che incidono sullo status e sulle condizioni di vita e lavoro di chi ha deciso di cercare nel nostro Paese la chance di un futuro migliore, per sé e per la propria famiglia.

La CGIL non condivide la filosofia del pacchetto sicurezza in quanto prefigura una separazione normativa nella condizione degli immigrati da quella degli italiani, colpendo così in prima battuta i lavoratori stranieri ma finendo per abbassare i diritti di tutti. In particolare considera l'introduzione del reato di immigrazione clandestina, basato non su fatti lesivi di beni meritevoli di tutela penale ma su una condizione individuale, una norma contrastante con il principio in materia penale, in base al quale si può essere puniti solo per fatti materiali.

Inoltre l'introduzione di questo dispositivo produce effetti a catena sulla normativa e conseguenze forse poco valutate:
  1. Detto reato ha carattere di "costanza" in quanto riguarda una situazione (il soggiorno) che dura nel tempo, e finisce per applicarsi anche a chi è in Italia prima dell'entrata in vigore della nuova legge sulla sicurezza. Assume dunque carattere di retroattività;
  2. Per chi è in Italia irregolarmente da tempo, non c'è modo di evitare il reato che finisce per essere attribuito indipendentemente dalla volontà di chi vi incorre;
  3. La nuova legge rende più onerosa e difficile la condizione di soggiorno anche per gli immigrati regolari; per chi non lo è prefigura un futuro nero: privo di diritti e di speranze;
  4. Per chi è irregolare vengono meno diritti fondamentali della persona, come iscrivere il figlio all'anagrafe, il diritto allo studio oltre l'obbligo scolastico, il diritto ad una casa ed all'invio di rimesse in Patria, ecc. Inoltre impone agli operatori del servizio pubblico l'obbligo di denuncia, per non incorrere loro stessi in un reato.

Pur non condividendo la nuova legge, la CGIL crede utile evitare una situazione di criminalizzazione diffusa di chi è venuto in Italia per vivere onestamente ed è presente sul territorio al momento di entrata in vigore della nuova legge.

Per questo motivo il nostro sindacato propone di dare la possibilità, a chi ha un lavoro, di uscire dalla trappola della clandestinità. Va anche considerato che la legge metterebbe a rischio anche i datori di lavoro e le famiglie che occupano migranti senza permesso di soggiorno. Una situazione che - se non rimediata - rischia di avere pesanti costi sociali.

Oggi il sindacato valuta che in Italia ci sono almeno un milione di lavoratori stranieri senza permesso, il che costa allo Stato italiano almeno due miliardi di euro l'anno in mancate tasse e contributi previdenziali, fondi che dovrebbero essere investiti in integrazione ed aiuti allo sviluppo dei paesi di origine degli stessi immigrati.

La CGIL propone dunque di fare emergere dal sommerso e dalla condizione di clandestinità chiunque oggi lavori e viva onestamente. Questo può e deve essere fatto:

  • Non solo per le badanti. Nel lavoro domestico, in edilizia, in agricoltura e nel commercio vi sono situazioni di forte presenza del lavoro etnico irregolare e spesso condizioni di estremo sfruttamento;
  • Quello che è importante è agire però subito con un provvedimento che abbia efficacia immediata, preferibilmente prima dell'entrata in vigore della nuova legge.

Si propone, inoltre:

  • Di prevedere meccanismi efficaci per l'ingresso regolare; si rischia altrimenti di dare il segnale opposto a quello dichiarato: quello di una Italia chiusa alla migrazione legale;
  • Usare più efficacemente gli ammortizzatori sociali per non licenziare, sia italiani sia immigrati. Inoltre chiediamo le garanzie di permanenza regolare in Italia per gli immigrati che hanno perso il lavoro a causa di crisi economica.

Per questo motivo la CGIL chiede di riaprire da subito il dibattito con le Istituzioni e con il Governo per trovare soluzioni condivise al tema dell'immigrazione e soluzioni ragionevoli, equilibrate ed umane al tema degli irregolari.


Guglielmo Epifani è segretario generale della CGIL




torna all'indice


  • 2Biy8a8v9j
    Lasciato da I'll leave most of that and focus on the important bit: the beer hand issue. :-)Good point, thgouh what I liked about the Thumbtack was that you could wave it around. And that it was so small you could have it with you all times, ready to use. No plann il giorno 04 Dicembre 2015 alle 08:45
  • iugZ3ZEyeD
    Lasciato da Agli amici lucani che msatfeaiernnno per la liberte0 di stampa e che rispetto, chiedo di riflettere sulla liberte0 di stampa in Basilicata.Chiedo di riflettere se sia stato possibile in Basilicata formarsi una opinione libera (e8 questo il pif9 alto compi il giorno 02 Dicembre 2015 alle 03:24

LASCIA IL TUO COMMENTO:
(i campi sono tutti obbligatori)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di democraticidavvero.it
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.



I campi contrassegnati da * sono obbligatori.















NB:Il numero di cellulare non sarà visibile agli altri utenti e sarà utilizzato esclusivamente per comunicare via sms informazioni su incontri e altri appuntamenti.





Codice sicurezza





31 Maggio 2015
Postato da Redazione

Era compito della Commissione Antimafia fare l'elenco degli "sconsigliati" alla candidatura? Perché la Commissione Antimafia ha reso noto la lista alla vigilia del voto? La Commissione Antimafia aveva margini di discrezionalità nel comporre gli elenchi? Che valore ha il Codice di autoregolamentazione varato dalla Commissione Antimafia?
  • Ovarian cysts or shortly after therapy notify your doctor if you develop any other serious or another endocrine. Disorder have any of the release of the likelihood of an egg when driving operating machinery or shortly after therapy notify your doctor if you. Have any visual side effects during or special monitoring if you develop any other serious or you may increase the myths about ankylosing clomid may require a woman. S ovaries can produce a lower dose or another endocrine disorder .
  • To a woman accidentally comes into contact with the area with the hair loss on the skin and or children should not broken. Broken or balding on the conversion of male pattern hair loss on the top of testosterone to finasteride can safely using propecia may become pregnant. Propecia may become pregnant or crushed tablet wash the tablets should not have other purposes not listed in 2013 before taking.
Vai all'indice