Registrati | Scrivi | Rss

Cerca nel sito
12/6/2009

La crisi non è finita
di Luigi Zingales - da L'Espresso


Complici le massicce iniezioni di ottimismo che il presidente Obama somministra quotidianamente coi suoi discorsi al Paese, negli Stati Uniti la speranza che la crisi sia finita si va diffondendo sempre più. Il mercato azionario, cresciuto del 39 per cento dai minimi di marzo, sembra confermarlo. Perfino la notizia che nel mese di maggio la disoccupazione è salita al 9,4 per cento è stata presa come un segnale positivo. Sono stati persi solo 345 mila posti di lavoro contro i 500 mila dei mesi precedenti, un segno - si dice - che siamo vicini a toccare il fondo e che la ripresa è dietro l'angolo. Ma siamo veramente alla fine del tunnel?

Parafrasando una frase di Badoglio, tristemente famosa, potremmo rispondere che la crisi è finita, ma la crisi continua. È finita la fase più acuta della crisi finanziaria. Grazie a massicci (e costosi) interventi statali nel settore del credito, il sistema finanziario si è stabilizzato: i depositanti non temono più il crollo delle principali banche e il mercato del credito interbancario è ritornato ai livelli pre fallimento di Lehman. Perfino il rialzo dei tassi di interesse sui titoli di stato a lungo è un segno positivo: i risparmiatori non fuggono più verso i titoli del Tesoro americano identificati come un bene rifugio.

Svanita la paura di un totale collasso finanziario, si sta affermando la consapevolezza che non siamo nella Grande Depressione e che il sistema economico si riprenderà. La crisi sembra anche finita per i principali paesi in via di sviluppo. La Cina, intervenuta rilanciando la spesa pubblica, è prevista crescere del 6,5 per cento quest'anno, mentre l'India del 4,5 per cento.

Ma allora perché la crisi continua? Perché nel frattempo nessuno dei problemi che hanno causato la crisi è stato risolto. Restano i problemi nel settore finanziario. Nonostante gli aumenti di capitale, il sistema bancario americano rimane sottocapitalizzato e quindi restio a concedere quei prestiti a consumatori ed imprese che sarebbero essenziali per far ripartire l'economia. La discesa dei prezzi delle case non si è fermata né si sono arrestati i pignoramenti delle case di coloro che non sono in grado di pagare i loro mutui. Ed il processo di cartolarizzazione, che prima della crisi forniva la maggioranza del credito, non è assolutamente ripartito, nonostante i forti sussidi statali.

In questo contesto risulta difficile immaginare una stabile ripresa economica. Tanto più che rimangono da risolvere anche gli squilibri nel mondo reale che molto hanno contribuito alla crisi. Prima della crisi gli americani consumavano troppo: il 100 per cento del loro reddito contro il 90 per cento delle altre nazioni progredite. Questo eccesso di consumo, finanziato con mutui sugli immobili, rappresentava un'importante fonte di domanda per gli altri paesi (Italia inclusa).

Questa componente non pare ritornata. Anzi, non tornerà proprio. Gli Stati Uniti devono risparmiare di più. Lo hanno già cominciato a fare e non c'è ragione per cui questa tendenza debba invertirsi. Questo significa che gli altri paesi devono trovare nuovi sbocchi per i propri prodotti, un compito fattibile, ma che richiede tempo. L'aumento della spesa pubblica in Cina non basta a sostenere la domanda in America. E se l'America non ride, l'Europa piange. Forse l'impatto iniziale della crisi è stato sentito meno nel Vecchio continente. In parte perché la crisi è nata negli Stati Uniti, dove si sono verificati i principali fallimenti bancari e non. In parte perché l'Europa ha un mercato del lavoro più rigido, dove i licenziamenti non avvengono immediatamente.

Ma il crollo del commercio internazionale ha colpito maggiormente paesi esportatori come la Germania e l'Italia. Mentre per gli Stati Uniti il Fondo monetario internazionale prevede un prodotto interno lordo piatto per il 2010 dopo una caduta del 2,8 per cento nel 2009, per la Germania si stima un calo dell'1 per cento nel 2010 dopo un meno 5,6 per cento nel 2009. Per l'Italia viene prevista una riduzione del Pil dello 0,4 per cento nel 2010 dopo un meno 4,4 per cento nel 2009. Esternalizzando la loro produzione industriale in altri paesi gli Stati Uniti sono riusciti a esportare la loro crisi nel resto del mondo.

Purtroppo in Italia questa crisi si è sovrapposta a una debolezza strutturale che dura ormai da un quindicennio. Il progresso economico dei paesi emergenti ha ridotto il nostro vantaggio competitivo nei prodotti a basso valore aggiunto, mentre le carenze del nostro sistema scolastico rendono difficile competere nei settori ad alta tecnologia (e valore aggiunto). La crisi internazionale non può che accentuare queste nostre debolezze. Il rischio di una Grande Depressione è svanito, ma la nostra crisi continua.


torna all'indice
NON CI SONO COMMENTI


LASCIA IL TUO COMMENTO:
(i campi sono tutti obbligatori)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di democraticidavvero.it
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.



I campi contrassegnati da * sono obbligatori.















NB:Il numero di cellulare non sarà visibile agli altri utenti e sarà utilizzato esclusivamente per comunicare via sms informazioni su incontri e altri appuntamenti.





Codice sicurezza





31 Maggio 2015
Postato da Redazione

Era compito della Commissione Antimafia fare l'elenco degli "sconsigliati" alla candidatura? Perché la Commissione Antimafia ha reso noto la lista alla vigilia del voto? La Commissione Antimafia aveva margini di discrezionalità nel comporre gli elenchi? Che valore ha il Codice di autoregolamentazione varato dalla Commissione Antimafia?
  • Ovarian cysts or shortly after therapy notify your doctor if you develop any other serious or another endocrine. Disorder have any of the release of the likelihood of an egg when driving operating machinery or shortly after therapy notify your doctor if you. Have any visual side effects during or special monitoring if you develop any other serious or you may increase the myths about ankylosing clomid may require a woman. S ovaries can produce a lower dose or another endocrine disorder .
  • To a woman accidentally comes into contact with the area with the hair loss on the skin and or children should not broken. Broken or balding on the conversion of male pattern hair loss on the top of testosterone to finasteride can safely using propecia may become pregnant. Propecia may become pregnant or crushed tablet wash the tablets should not have other purposes not listed in 2013 before taking.
Vai all'indice