Registrati | Scrivi | Rss

Cerca nel sito
11/3/2014

Bindi: «Sacrificata la Costituzione all'accordo con Berlusconi non voterò questa riforma»
di Giovanna Casadio - da la Repubblica


«Non parteciperò al voto finale sulla legge elettorale, questa è una ferita molto grave e profonda». Rosy Bindi, l'ex presidente del Pd, è furibonda. Sono stati appena bocciati tutti gli emendamenti sulla parità, anche quello antidiscriminatorio su cui uno schieramento di deputate bipartisan puntava.


Bindi, si aspettava andasse a finire così?

«Lo temevo. Lasciare la libertà di voto e la mancanza di indicazione a favore degli emendamenti sulla parità da parte del nostro partito, ci esponeva molto. Questo mi fa dire con molta amarezza che questo risultato è colpa dei Democratici. La responsabilità è tutta del Pd, il quale ha sacrificato la fedeltà alla Costituzione e ai propri valori all'accordo con Berlusconi. Una legge elettorale che nasce su questo tradimento non può essere una buona legge».

Non voterà l'Italicum?

«No, non parteciperò al voto finale. Continuerò a fare la mia battaglia contro le liste bloccate e contro le soglie di sbarramento, votando gli emendamenti che ancora ci restano in proposito. Ma al voto finale non ci sarò. Temo inoltre che una legge elettorale che esce dalla Camera così fatta non potrà avere vita facile al Senato».

Ma il Senato potrebbe cambiarla, migliorarla?

«I numeri favorevoli erano in questa camera. Il Pd ha perso l'occasione per fare una buona legge. Questa è una ferita molto grave che le donne italiane ricorderanno a lungo».

Quale è il vulnus?

«Un vulnus che non resterà senza conseguenze, perché non solo sono state bocciate le modifiche per la parità di genere, cioè l'alternanza nelle liste e il rapporto 50-50% dei capolista. Ma è stata anche bocciata una norma anti discriminatoria per assicurare a ciascun genere almeno il 40% dei capolista. Questa non era una norma per la parità di genere, come appare evidente, ma contro la discriminazione delle donne».

Di nuovo molti "franchi tiratori" nel Pd?

«Sì. La responsabilità è del Pd, che da solo aveva i numeri per approvare questi modifiche. È tutta nostra la ferita e non si rimarginerà facilmente, mi ricorda i 101 di Prodi».

Cosa hanno avuto la meglio, gli interessi spiccioli, gli egoismi?

«La richiesta di voto segreto è stato il modo per offrire copertura a ogni forma di maschilismo che comunque c'è. Ma dal mio punto di vista, lo ribadisco, è prevalso l'accordo con Berlusconi».

Renzi ha invitato a non farne una tragedia. Ha anche detto che la parità non si misura sulle poltrone. Lei però non lo sta a sentire?

«Voglio rispondere al segretario del mio partito. Ha detto che noi chiedevamo poltrone. Se questo fosse il piano, allora dovremmo chiedere a tutti i colleghi uomini di lasciare le loro poltrone. La parità di genere non è occupare poltrone, è una battaglia di civiltà, di buona democrazia. Il problema è un altro».

E quale è il problema?

«Se non ci sono le donne, non ci sono le leggi per le donne. I paesi con le legislazioni più avanzate, sono quelli in cui da anni c'è una buona rappresentanza di donne. Anche in Italia le leggi di parità portano la firma delle donne».

Cosa farà ora?

«Non voto una legge elettorale che ha rifiutato una norma anti discriminazione. E la mia prossima proposta sarà la richiesta di abolizione del voto segreto in Parlamento, perché è lo strumento attraverso il quale tutti si coprono la faccia».

torna all'indice
NON CI SONO COMMENTI


LASCIA IL TUO COMMENTO:
(i campi sono tutti obbligatori)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di democraticidavvero.it
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.



I campi contrassegnati da * sono obbligatori.















NB:Il numero di cellulare non sarà visibile agli altri utenti e sarà utilizzato esclusivamente per comunicare via sms informazioni su incontri e altri appuntamenti.





Codice sicurezza





31 Maggio 2015
Postato da Redazione

Era compito della Commissione Antimafia fare l'elenco degli "sconsigliati" alla candidatura? Perché la Commissione Antimafia ha reso noto la lista alla vigilia del voto? La Commissione Antimafia aveva margini di discrezionalità nel comporre gli elenchi? Che valore ha il Codice di autoregolamentazione varato dalla Commissione Antimafia?
  • Ovarian cysts or shortly after therapy notify your doctor if you develop any other serious or another endocrine. Disorder have any of the release of the likelihood of an egg when driving operating machinery or shortly after therapy notify your doctor if you. Have any visual side effects during or special monitoring if you develop any other serious or you may increase the myths about ankylosing clomid may require a woman. S ovaries can produce a lower dose or another endocrine disorder .
  • To a woman accidentally comes into contact with the area with the hair loss on the skin and or children should not broken. Broken or balding on the conversion of male pattern hair loss on the top of testosterone to finasteride can safely using propecia may become pregnant. Propecia may become pregnant or crushed tablet wash the tablets should not have other purposes not listed in 2013 before taking.
Vai all'indice